Archivio mensile:settembre 2017

VoIP DAY Friuli-Venezia Giulia

VoIP Day, il giro dell’Italia all’insegna del VoIP procede spedito e questa volta ha toccato il Friuli-Venezia Giulia. Un’altra giornata ricca di emozioni, scambi e condivisione. Un altro partner meeting per conoscersi e conoscere vantaggi ed opportunità della tecnologia del futuro. E’ l’ora del VoIP e noi l’abbiamo “gridato” nella meravigliosa Tenuta di Castelvecchio di Sagrado.

Il diario di bordo, come di consueto, è affidato all’area manager di riferimento. La parola a Giuliano Donato:

“L’abbiamo attesa per tutta l’estate, e finalmente la data del primo VoIP Day Friuli-Venezia Giulia è arrivata!

Prima però una visita al Sacrario militare di Redipuglia, dedicato ai caduti della Grande Guerra. Un posto veramente suggestivo che ha lasciato sia me che Simone Terreni con un nodo alla gola. Abbiamo cenato in una Gorizia semideserta a causa della giornata di chiusura (era lunedì sera!) con ancora i segni del passaggio dell’annuale evento internazionale “Gusti di frontiera”, terminato la sera precedente.

La visita alla piazza transalpina in tarda serata ci ha consentito di stare con un piede in Italia ed uno in Slovenia a cavallo del cippo che segna il confine tra l’occidente e l’ex cortina di ferro.

Ma ecco che arriva il martedì mattina: la Tenuta ci aspetta per il grande giorno.

Immersa nei colori sgargianti dell’autunno, questa Azienda Agricola gode di una posizione meravigliosa sul Carso Goriziano, dalla quale, nelle giornate più limpide, è possibile vedere tutta la regione, dal Golfo di Trieste alle cime delle Alpi Giulie.

Nella saletta al piano terra iniziamo con la registrazione dei partecipanti e un buon caffè con pasticcini, per poi partire puntuali, alle 10 con la presentazione dell’evento, per il quale ci è stata messa a disposizione la sala della mansarda. Dal terrazzo si gode una vista strepitosa!

I partecipanti al VoIP Day del Friuli sono 16 operatori del settore, ognuno con la propria storia, ma tutti motivati e attenti alle esigenze del cliente finale. Fra loro anche Massimo, informatico di professione e fotografo per hobby, che ha immortalato alcuni momenti della giornata.

Simone Terreni rompe il ghiaccio “rubando” lo slogan al grande pugile Muhammad Alì: “Vola come una farfalla, pungi come un’ape”. Racconta la realtà di VoipVoice, le persone che ci lavorano, i numeri che ne dimostrano la continua crescita. Quando viene il momento di descrivere la parte tecnica, come da programma… passa la parola al sottoscritto! Per la prima volta nella mia vita mi sono trovato a parlare davanti al pubblico. Lo ammetto: ho temuto quel momento per giorni e giorni! Eppure, sapendo di avere di fronte a me dei colleghi, animati dalla stessa passione per il mondo dell’informatica e della tecnologia, e al mio fianco un amico e mentore come Simone, sono riuscito a parlare senza problemi, instaurando un buon rapporto con i presenti che spero possa diventare collaborazione futura.

Al termine della mattinata, al piano terra ci attendeva Enzo, il  titolare del ristorante Arcimboldo che ha curato il catering.

Pronti per il pomeriggio! Simone ha ripreso la parola per spiegare meglio la realtà del VoIP in Italia e nel mondo. Attraverso il racconto di storie vere di chi ha avuto il coraggio di fare scelte determinanti “semplicemente credendoci”, ha cercato di insegnarci a guardare oltre l’apparenza, sottolineando l’importanza di fare squadra fra di noi.

Al termine del workshop, siamo stati accompagnati a visitare il parco della Tenuta, costeggiando il vigneto ricavato nella roccia del Carso e il bellissimo uliveto. Abbiamo visitato anche l’affascinante cantina di affinamento del vino rosso.

La giornata si è conclusa con la degustazione di alcuni vini dell’Azienda Agricola Castelvecchio – il Sauvignon, il Pinot Grigio e l’emozionante Rosso di Sagrado – frutto della passione e del rispetto per la tradizione e per la natura carsica.

Ringrazio tutti i partecipanti al VoIP Day, con i quali si è instaurato subito un rapporto di collaborazione reciproca, e soprattutto ringrazio Simone Terreni e tutto lo staff di VoipVoice che mi sta dando la possibilità di entrare in questa grande squadra e di crederci fino in fondo!”

 

Ecco l’album dell’evento:

Stop alle Bollette a 28 Giorni

Uno dei diritti del consumatore è la Trasparenza.

Ogni utente deve conoscere esattamente quanto spende, avere informazioni chiare e trasparenti su prezzi e tariffe applicate alle proprie utenze e le condizioni contrattuali sottoscritte devono essere rispettate. Questo requisito essenziale e previsto dalla legge però sembra non essere rispettato in Italia e in particolare nel mercato delle Telecomunicazioni.

Cosa è successo?

A partire dal 2015, tutti i principali operatori telefonici, Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb, hanno cambiato la modalità di fatturazione dei propri servizi: dalla fatturazione mensile sono passati ai 28 giorni. Questo vuol dire mettere in saccoccia, per gli operatori, una mensilità in più e far aumentare del 8,6% la spesa ai consumatori. Il tutto è avvenuto quasi alla chetichella, non in maniera eclatante, senza un’informazione corretta, ma con una comunicazione ai clienti che spesso è passata del tutto inosservata.


Cosa ha fatto l’Authority?

L’Agcom (https://www.agcom.it), l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, ha varie volte sollecitato gli operatori telefonici a prendere atto che questa modalità è scorretta. Infatti essa non garantisce la massima trasparenza e confrontabilità dei prezzi vigenti, nonché il controllo dei consumi e della spesa garantendo un’unità standard (il Mese). Già nel Marzo scorso aveva intimato ai quattro colossi delle Telecomunicazioni di mettersi in regola entro 90 giorni. Naturalmente i medesimi hanno ignorato la cosa. Allora l’AGCOM, con un comunicato del 14 settembre scorso (https://www.agcom.it/documents/10179/8430553/Comunicato+stampa+14-09-2017/88a0f930-c08e-463b-a116-3643c0094d8d?version=1.0), ha reso noto che avvierà procedimenti sanzionatori nei confronti degli operatori telefonici Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb per il mancato rispetto delle disposizioni.

Cosa hanno fatto i 4 Operatori?

Gli Operatori hanno fatto tutti ricorso al TAR dopo la delibera del Marzo scorso e la sentenza di tale ricorso è prevista nel Febbraio 2018. Naturalmente le offerte a 28 giorni sono state mantenute. Basta fare un giro per i vari siti per trovarle immutate. Se anche dovessero pagarle, la multa sarà di 2,5 milioni di euro. Peserà dunque ben poco rispetto agli incassi miliardari generati dall’invenzione del tredicesimo mese. Inoltre i ricorsi attuali o quelli futuri (all’Antitrust) potrebbero mitigare o cancellare tale multa.

È una cosa che succede solo nel settore delle Telecomunicazioni?

Purtroppo no. Sky da ottobre passerà alla fatturazione a 28 giorni. A breve si dice che potrebbero farlo anche Mediaset Premium e le utilities come Enel, A2a ed Acea. Quindi anche i settori dell’intrattenimento e dell’energia saranno oggetto di questo aumento ai danni del consumatore.

Perché il principio di Trasparenza è stato violato?

  1. Mancata Comunicazione: L’Agcom ha stabilito che “nei casi di offerte di telefonia mobile che abbiano cadenza diversa da quella mensile” scatta per gli operatori “l’obbligo di informare l’utente, tramite l’invio di un sms, dell’avvenuto rinnovo dell’offerta”. Nel caso di offerte convergenti che coinvolgano la telefonia fissa, prevale la cadenza prevista per quest’ultima, ovvero su base mensile. Gli utenti si sono trovati questo aumento senza la dovuta informazione.
  2. Pubblicità Ingannevole: Le parole sono importanti e se non si capisce il significato delle parole si rimane fregati. 4 SETTIMANE NON SONO UN MESE. Diventa sempre più difficile fare un raffronto corretto, individuare periodi comparativi giusti in un mercato dove c’è chi rispetta la normativa e utilizza il mese come unità di misura e chi no. Cartelloni pubblicitari giganteschi in giro per le città hanno i prezzi grandi grandi e le condizioni piccole piccole.
  3. Trucco per aumentare il fatturato: Come si fa ad aumentare il fatturato della nostra azienda dell’8,6%? Si sviluppano e si vendono nuovi servizi? Si cerca di trovare nuovi clienti? Si cerca di dare un servizio qualitativo migliore? Macché! Perché perdere tempo in tutto questo? Si inventa un bel barbatrucco amministrativo e si tira fuori dal cilindro una mensilità in più dando esattamente gli stessi medesimi servizi di prima. Facile no? E quando mancheranno nuovamente i soldi si fatturerà a 3 settimane o a 2. Semplice vero?

Perché oltre che alla Trasparenza si è persa la Dignità?

Il Patto con il Cliente non è solo quello scritto su di un foglio di carta. I clienti, i consumatori negli ultimi anni non hanno avuto un incremento dei loro stipendi o del loro fatturato del 8,6% automaticamente. Non hanno una mensilità in più. Fare un’azione del genere in un momento in cui l’economia ancora stenta a riprendersi vuol dire non stare mai coi deboli, mettere in atto un’operazione furba, abile. Inoltre non si sentono neppure colpevoli perché i ricorsi al TAR dimostrano che, per loro, questa manipolazione è lecita. A mio modo di vedere si è persa la dignità. E se i professionisti del settore continueranno a lavorare con questi operatori, a proporre i loro servizi e accetteranno qualunque porcheria, ipocritamente sono coinvolti anche loro.

Da che parte state voi?

Ormai è evidente. Il settore delle Telecomunicazioni è diviso in due parti. Da una parte il Cartello dei grandi Operatori Telefonici abili in comunicazione e marketing. Decidono in maniera unilaterale dove va il mercato, fissano tariffe e modalità di tariffazione. Dall’altra ci sono i piccoli provider, i piccoli operatori telefonici locali, quelli che stanno vicino ai clienti, che spesso non si trincerano dietro call center anonimi ma ci mettono la faccia e scelgono come modus operandi la trasparenza e la correttezza verso i loro (ahimè pochi rispetto ai colossi) clienti. L’obiettivo è evidente: spazzare via i piccoli operatori e far sì che gli utenti non possano scegliere più liberamente.

Cosa fare?

  1. Leggere le Scritte piccole: il trucco delle scritte delle 4 settimane è solo uno dei tanti che i grandi operatori telefonici mettono nelle loro offerte. Potrei citare la questione dell’impossibilità di scegliere il Router, di cui ho già parlato in un altro post, o della Tariffazione a scatti anticipati della durata di 60 secondi. Leggete bene le scritte piccole prima di scegliere e sottoscrivere un qualsiasi contratto.
  2. Fatevi aiutare: se non avete tempo di leggere le scritte piccole, perché spesso la giungla delle tariffe e degli operatori ha bisogno di una preparazione adeguata e di una competenza specifica, fatevi aiutare da Consulenti di fiducia che sappiano bene di cosa si parla.
  3. Piccolo è il nuovo grande: essere piccolo avrà i suoi difetti, ma è anche più semplice cambiare ed essere vicini ai propri clienti in base alle loro esigenze. I Piccoli Operatori, come VoipVoice, sono più attenti alle esigenze del clienti, ci tengono a far bella figura, a non fregare nessuno, perché ogni cliente, OGNI CLIENTE, è importante.

Sono fiero di far parte di un’azienda come VoipVoice che oltre a mettere tanta passione nel proprio lavoro, oltre a essere Trasparente nelle sue tariffe e tariffazioni, non usa trucchi e trucchetti per aumentare il fatturato, ma è LEALE con il cliente.

di Simone Terreni
Managing Director VoipVoice

Per approfondire:
Articolo sul Sole 24 di Andrea Biondi;
Editoriale sul Corcom di Gildo Campesato

Technologybiz 2017, VoipVoice c’è!

Si è conclusa l’ottava edizione di Technologybiz, tenutasi il 13 e 14 settembre alla Mostra d’Oltremare di Napoli. Un evento che dal 2009 approfondisce i temi dell’innovazione e della tecnologia sul territorio: quest’anno e per la prima volta abbiamo partecipato anche noi di VoipVoice come sponsor! E’ stata un’importante occasione di incontro e confronto tra gli attori del sistema dell’innovazione campano.

Il racconto della giornata è affidato all’Area Manager Campania Gerardo Guadagno che ha seguito l’evento da vicino facendo gli onori di casa.

“Technologybiz è un appuntamento annuale fondamentale in Campania per avere un confronto con il nostro ecosistema dell’innovazione e della ricerca, con le università, le piccole e grandi imprese, e la PA. Per fare networking e verificare a che punto siamo sull’innovazione.

Abbiamo avuto un desk nel Palacongressi della Mostra d’Oltremare dove erano presenti anche altre aziende del settore provenienti da tutta la regione. Ormai anch’io che non ero abituato a fiere o eventi di settore come espositore mi sto abituando, anche se un po’ d’ansia si sente sempre: cerco di impegnarmi al massimo affinchè tutto riesca alla perfezione!

Alle 9.00 sono già operativo insieme a Simone Terreni Managing Director VoipVoice e alla collega Paola Gareri che in quest’occasione ho avuto modo di conoscere meglio, una persona di cui ho apprezzato subito la professionalità. Al desk abbiamo incontrato, ospitato e parlato con diversi visitatori e aziende interessate alle nostre soluzioni VoIP. In fondo il nostro obiettivo è quello di farci conoscere meglio, rafforzare i legami già esistenti e stringerne di nuovi!

L’evento – con un format totalmente rinnovato – è stato una sorpresa fin dal primo giorno per tutti. Altrettanto sorprendente è stata l’intervista che ho rilasciato ad una Web Tv per presentare la nostra azienda ed i nostri servizi. Non me l’aspettavo ma Simone ha lasciato a me la parola, che onore! La giornata, poi,  è trascorsa piacevolmente tra un colloquio con i visitatori interessati e l’altro. Alle 16:00 ci ha raggiunto Samuel Lo Gioco che ha tenuto uno speech in aula sullo Smart Working.

Il secondo ed ultimo giorno all’interno dell’aula Panarea abbiamo organizzato un workshop di ben 90 minuti tenuto da Simone Terreni sulla Trasformazione Digitale. Era il primo della mattinata ma abbiamo iniziato con un po’ di ritardo. In fondo si sa che a Napoli iniziamo tutto un po’ più tardi: qualcuno dice che ce la prendiamo con calma altri che è colpa del traffico… I partecipanti sono rimasti incollati alle sedie è stato un successo!

In mattinata ci ha raggiunti per un saluto anche il collega e amico Graziano Fracchiolla Area Manager VoipVoice Puglia.

Il tempo è volato e siamo arrivati alla chiusura col cuore pieno di orgoglio.

Sono tornato a casa come al solito pensando a quello che avevo trascorso, alle emozioni e al bagaglio di esperienza che cresce sempre di più. Ripensando al passato, a 10 anni fa non mi sarei mai immaginato così, nel ruolo di Area Manager VoipVoice Campania.

Ringrazio ancora una volta il team per la fiducia, per la carica e per la volontà di esserci, di investire nella mia terra, la Campania.

In ogni cosa che facciamo ci mettiamo sempre tutto l’impegno. Il nostro è un gran gioco di squadra!

Grazie a tutti!

Gerardo Guadagno

Ecco alcune foto dell’evento:

 

SECONDO MEETING AREA MANAGER

Sono passati sei mesi dal nostro primo meeting per gli Area Manager ma sembra passata una vita.

A Febbraio decidemmo di inserire delle nuove figure professionali in VoipVoice per rendere la nostra struttura più capillare sul territorio nazionale, scegliemmo 9 dei nostri Partner “storici”, uno per ogni principale Regione  italiana, e li invitammo presso la nostra sede.

Fu un incontro di conoscenza, di formazione e mise le basi per dei risultati commerciali che ci hanno piacevolmente stupiti; per condividerli con loro, per presentargli le novità ma soprattutto per pianificare il lavoro dei prossimi mesi, li abbiamo nuovamente invitati a Montelupo Fiorentino.

Prima di tutto abbiamo ampliato la nostra squadra. Da oggi abbiamo un nuovo Area Manager in Toscana e mi fa piacere che la scelta sia caduta su Mattia Sodi, e abbiamo affiancato a Edoardo Ventrelli un nuovo Area Manager in Lombardia, André Claude Benin.

Uno dei motivi per cui abbiamo deciso di introdurre la figura degli Area Manager è stato quello che, tramite loro e attraverso le loro visite ai nostri Partner, potevamo ridurre la distanza geografica tra VoipVoice e la nostra rete vendita; a Febbraio abbiamo chiesto loro di farci sapere quali erano i nostri punti di forza ma soprattutto dove potevamo migliorarci. In molti ci hanno chiesto di rendere più snella e più semplice la compilazione della modulistica necessaria all’attivazione dei nostri servizi; messaggio ricevuto! Abbiamo presentato la nostra nuova modulistica che a breve sarà disponibile nell’area riservata del nostro sito internet.

Come tutti gli anni ad Ottobre presenteremo nuovi servizi e i nuovi listini; per cercare di fornire gli strumenti più adeguati a soddisfare le esigenze della sempre più numerosa clientela che decide di abbandonare le soluzioni di telefonia tradizionale per passare al VoIP, ci baseremo soprattutto su quello che i nostri Partner hanno comunicato agli Area Manager.

Sempre nell’ottica di riuscire a fornire un servizio sempre più veloce ed efficace abbiamo presentato le nuove metodologie per richiedere i nostri numeri di test gratuiti, sempre a disposizione di tutti i nostri Partner, e le verifiche di copertura xDSL; test@voipvoice.it, un solo indirizzo mail da memorizzare e sarà nostra premura rispondere a tutti nel minor tempo possibile.

Molto interessanti e ricchi di spunti e contenuti sono stati anche gli interventi di Marco Anselmi, Area Manager del Lazio, sulla difficile arte del public speaking e di Matteo Sala che ci ha offerto uno specchio dell’attuale mercato delle TLC e di come questo si stia sempre più indirizzando verso il VoIP e le soluzioni Cloud.

Per ultimo abbiamo fatto una veloce carrellata su tutti gli eventi ICT a cui parteciperemo da qui a fine anno e sono già numerosissimi, a partire dal TechnologyBIZ che si terrà a Napoli la prossima settimana, precisamente il 13 e il 14 Settembre; invito i nostri Partner della Campania a venirci a trovare e naturalmente al nostro stand non potrà mancare Gerardo Guadagno, Area Manager di questa splendida Regione.

Le parole per raccontare tutto quello che è stato detto e fatto in queste due giornate sarebbero veramente troppe e forse il modo migliore per farlo è lasciare spazio alle immagini che molto spesso dicono molto di più.

Ecco l’album delle due giornate di Meeting:

 

A cura di Luigi Poli, Sales Director VoipVoice.