Archivi tag: agenda digitale

Ci siamo fatti in quattro!

Se state leggendo questo articolo sul nostro Blog aziendale è molto probabile che già conosciate VoipVoice e le persone che compongono la nostra azienda.
Non so però in quanti di voi si siano accorti di come il numero di queste persone sia rapidamente aumentato negli ultimi mesi e questo sicuramente non solo è un ottimo segnale per noi ma ritengo che sia una vera e propria cartina di tornasole per il nostro settore.

Il reparto commerciale ha il compito di andare a contattare le centinaia di persone che incontriamo ogni anno negli eventi a cui partecipiamo e il 2015 è stato da questo punto di vista un anno ricchissimo, che ci ha visto protagonisti in innumerevoli manifestazioni di settore. Partecipare alle date di SMAU su tutto il territorio nazionale, al Festival ICT e a Sicurezza, per non parlare delle date dei Training 3CX e dei corsi di certificazione snom, passando per i Training organizzati da Allnet.Italia e EDSlan, ci ha offerto la possibilità di entrare in contatto con tantissimi System Integrators che erano alla ricerca di un partner affidabile che li affiancasse ogni qual volta si presentasse l’occasione di proporre soluzioni VoIP ai loro clienti.

È a quel punto che entriamo in gioco noi.
Durante le manifestazioni e i corsi il tempo per parlare approfonditamente di quella che è la nostra proposta è poco, per cui noi commerciali ci impegniamo a ricontattare telefonicamente chi è passato dal nostro stand o chi ha partecipato ai corsi tecnici.
Se fino all’anno scorso questo lavoro eravamo riusciti a farlo in due, cioè io e il mio collega Edoardo Ventrelli, a partire già da metà anno passato ci siamo accorti che i contatti stavano aumentando esponenzialmente di giorno in giorno, per cui a darci una mano è arrivato prima Matteo Martellacci, seguito pochi mesi dopo da Martina Giacomelli.
La scelta di raddoppiare la nostra forza commerciale è stata fatta con la piena consapevolezza che, per continuare ad offrire l’adeguato supporto ai nostri Partners, era necessario commisurarci al loro crescente numero e in Matteo e Martina abbiamo trovato due ragazzi veramente capaci che in poco tempo sono già diventati un punto di riferimento per i nostri System Integrators.

Reparto Commerciale

Non so quanti di Voi abbiano letto il mio primo articolo sul blog ma, chi lo ha fatto, aveva trovato al suo interno il grafico di crescita dei nostri Partners nel corso degli anni. Ebbene, è con estremo orgoglio che posso riproporre questo grafico aggiornato a Dicembre 2015 e la curva di crescita, come potete vedere, ha mantenuto il suo andamento in maniera regolare e costante.

Grafico Rivenditori

VoipVoice ha oggi circa 600 Partners sparsi per tutto lo Stivale, ma non tutte le Regioni vedono una presenza capillare della nostra rete. Ormai è ben chiaro che il VoIP ha preso campo nelle grandi Regioni del Centro-Nord, con la Lombardia a fare indiscutibilmente da capo fila, ma ha davanti a se enormi praterie in molte altre zone d’Italia che ancora oggi risentono del digital divide. Sicuramente queste aree beneficeranno nei prossimi anni dei previsti investimenti infrastrutturali previsti nell’Agenda Digitale del Governo e questo potrà portare solo benefici al nostro settore. Il seguente grafico riporta nel dettaglio la geo localizzazione dei nostri Partners:

Aree Geografiche Rivenditori

La più importante novità introdotta nel 2015 da VoipVoice è stata senza dubbio la presentazione della connettività all’interno della nostra proposta commerciale, con le ADSL NeXT e le sHDSL Titanium. Per fare in modo di riuscire a fornire un adeguato supporto tecnico ai nostri Partners io e i miei colleghi del reparto commerciale abbiamo chiesto loro di indicarci quali tipi di routers fossero soliti proporre allo loro clientela; questa informazione, oltre a fornire un importante dato al nostro reparto tecnico per eventuali richieste di assistenza, ci consente di tenere monitorato il mercato hardware e può indicarci la miglior strada per le future certificazioni.
Non indicherò i dati esatti ma riporterò in rigoroso ordine alfabetico i cinque marchi più diffusi tra i nostri System Integrators: AVM FRITZ!Box, Cisco, Draytek, TP-Link e Zyxel.

logo_next

La stretta collaborazione che si crea tra noi e i nostri Partners crea una forte sinergia che da i suoi frutti nel lavoro quotidiano. A noi spetta il compito di mettere sempre a disposizione la nostra esperienza e le nostre conoscenze commerciali per fare in modo che chi si occupa di curare le installazioni e le configurazioni degli apparati IP si possa dedicare più attentamente a questi aspetti. Volete sapere quale potrebbe essere il miglior listino da presentare ad un cliente? Volete stupirlo presentandogli un prospetto di risparmio sul traffico telefonico mensile? Inviateci via mail una bolletta recente del cliente e noi vi forniremo in brevissimo tempo un’analisi precisa e dettagliata che vi aiuterà a far capire cosa è in grado di offrire oggi il VoIP in termini di risparmio economico e produttività aziendale.
Se invece sei il titolare o il responsabile IT di un’azienda e ti interessa avere maggiori informazioni in merito al VoIP e alle connessioni internet professionali offerte da VoipVoice chiamaci allo 0550935400; parlerai direttamente con me o con Edoardo, Martina e Matteo. Cercheremo di rispondere alle vostre domande nel modo più semplice e chiaro possibile; e se poi deciderete di approfondire l’argomento, vi metteremo in contatto con il nostro Partner di zona più vicino che, senza impegno, vi potrà far toccare con mano il nostro servizio dandovi un numero di prova gratuito.

Per cui…non esitate. Chiamateci; vi stiamo aspettando!

Buon VoIP a tutti.

– Luigi Poli –

Luigi Poli e tutto il Reparto Commerciale è a disposizione ogni giorno lavorativo dalle ore 9,00 alle ore 13,00 e dalle ore 14,00 alle ore 18,00 allo 0550935400 oppure tramite mail a commerciale@voipvoice.it.

Intervista a Flavio Patria di AVM

Eccoci nuovamente nell’angolo in cui più che parlare ascoltiamo ed oggi, proprio in prossimità del primo Webinar tecnico dell’anno sui prodotti FRITZ!Box di giovedì 19 marzo, in collaborazione con la stessa AVM e Alias SpA (distributore ufficiale FRITZ!Box), abbiamo voluto intervistare uno dei pochi portavoce italiani del fenomeno VoIP: Flavio Patria, Presales Engineer at AVM. Andiamo a conoscerlo.

Ciao Flavio, grazie della tua disponibilità. 
Giusto per iniziare parlaci un po’ di te. Qual è stato il percorso che ti ha portato all’AVM? 

Ciao Samuel, innanzi tutto grazie a voi di Flavio Patriaquesta opportunità e per l’interesse verso AVM. 
Per quanto mi riguarda, il mio percorso professionale è iniziato nel 2005 proprio a partire dalla mia tesi di laurea sul VoIP, che mi ha dato subito dopo l’opportunità di cominciare la mia carriera come ingegnere  in Enterprise Digital Architects (uno spin-off di Ericsson) lavorando proprio su questa tecnologia. 
Il VoIP è stato un po’ il comune denominatore della mia crescita professionale che mi ha portato successivamente in Noverca e poi per completare in AVM, azienda per cui lavoro da oltre 3 anni e dove sono entrato quasi per caso rispondendo ad un annuncio online. Ovviamente conoscevo già il brand FRITZ! dalle mie precedenti esperienze e avevo utilizzato i prodotti nelle mie attività, apprezzandone la qualità e l’unicità di molte soluzioni, per cui è stato piuttosto stimolante accettare la sfida professionale che mi si era presenta davanti. 

Ma da piccolo sognavi di lavorare nel mondo dell’IP Telephony o aspiravi ad altro?

Da piccolo sognavo tante cose, tra cui fare il calciatore o l’ingegnere nelle telecomunicazioni: ha prevalso la seconda, anche se il calcio e la Sampdoria in particolare restano una delle mie più grandi passioni. Ovviamente quando ero ragazzo la telefonia su Internet non esisteva: a dire il vero non esisteva neanche Internet, come lo conosciamo oggi. Ma quando nel corso degli studi ho avuto l’opportunità di approfondire la conoscenza di questa tecnologia ne sono rimasto subito affascinato, tanto che subito dopo aver completato gli studi ho iniziato a scriverne come blogger sul portale html.it.  Oggi mi piace twitter e ricordo che già qualche anno fa assieme a VoipVoice fummo tra i primi a lanciare iniziative con hashtag del tipo #fritzrisponde .

Una domanda che da anni mi faccio: com’è nato il nome FRITZ? 

Bella domanda, me la faccio ancora anche io. Ci sono diverse “leggende” su come sia nato il brand: una tra le più accreditate è che i tre soci fondatori (attuali shareholders dell’azienda) ascoltavano una radio molto famosa all’epoca – prima metà degli anni 80 – chiamata appunto Radio FRITZ!Radio FRITZ!
In realtà credo che il nome sottolineasse al tempo una forte identificazione con Berlino, dove è nata AVM e dove ancora oggi vengono sviluppati i prodotti FRITZ!. 
Questa visione si è poi evoluta nel tempo ed oggi possiamo affermare che AVM è un brand dalla forte dimensione europea e che fa della prossimità ai mercati di riferimento – come quello italiano –  uno degli aspetti che più caratterizzano la mission aziendale.

Che effetto fa essere in tutti i grandi magazzini come MediaWorld? 

Questa domanda mi da l’occasione per sottolineare come la continua crescita di AVM in Italia ha determinato negli ultimi tempi anche l’ampliamento del team di persone che operano sul territorio e che seguono da vicino i diversi mercati. 
In Italia l’esperienza con MediaWorld è partita diversi mesi fa ormai mentre in Germania in particolare, ma anche in altri paesi, siamo presenti sul mercato retail da diverso tempo: la risposta dei clienti italiani è stata eccezionale ed  il trend su questo come su gli altri canali è in costante aumento . Un aspetto che mi preme sottolineare è che forse siamo tra i pochi produttori di dispositivi per la banda larga con una doppia anima: lo stesso prodotto presente sullo scaffale trova spazio anche nel portafoglio prodotti di provider e Telco, perché le sue caratteristiche avanzate e la semplicità di utilizzo lo rendono adatto per ogni tipo di esigenza.

Quali novità presenterete al CeBIT quest’anno? 

Ci sarà un focus sull’innovazione tecnologica, in particolare ispirata al tema dell’accesso rapido CeBITalla banda ultra-larga ed al collegamento wireless ultra-veloce.
Con l’occasione saranno presentati nuovi modelli di FRITZ!Box come il 4080, equipaggiato con la più recente tecnologia Wireless AC Wave 2 e l’innovativo sistema Multi-User MIMO che consente di raggiungere i 2,5 Gbit/s, e il 7430, con il supporto per connessioni VDSL/ADSL e Telefonia VoIP con base DECT integrata e collegamento senza fili fino a 450Mbit/s. 
Le altre principali novità riguardano poi: il  4020, il più piccolo FRITZ!Box di sempre, un router compatto ad alte prestazioni wireless grazie al supporto della tecnologia MIMO 3×3, e  il FRITZ!Box LTE 6820, che  permetterà poi di sfruttare in maniera flessibile gli standard 4G e 3G per essere sempre connessi alle reti mobili veloci. 
Altre novità riguarderanno poi il sistema operativo, il FRITZ!OS, ma preferiamo non svelarvi ancora tutto!

Che differenze ci sono tra il mercato italiano e quello tedesco? 

In Germania c’è sicuramente una maggiore attenzione alle tecnologie che ruotano intorno ad Internet, probabilmente favorita anche da una maggior disponibilità di banda. 
Per quanto riguarda l’Italia, uno dei vantaggi che abbiamo oggi è che AVM nasce dalla telefonia, per cui sui nostri access gateway integriamo la connettività con soluzioni che offrono un valore aggiunto alla telecomunicazione fissa e VoIP, senza disdegnare l’integrazione con il mondo mobile attraverso una suite di app. 
Questo aspetto convergente unito alla qualità dei prodotti ci rende particolarmente apprezzati anche su un mercato come quello Italiano, dove spesso si sottovaluta l’importanza di avere un router in grado di fornire le prestazioni necessarie per garantire l’accesso ad Internet a tutti i cellulari che usiamo.

Un tuo parere di quello che succederà nei prossimi cinque anni nell’ICT? 

Il mondo dell’ICT è in continua e rapida evoluzione, per cui cinque anni possono rappresentare a volte anche più di uno step generazionale. L’agenda digitale ha delle prospettive ambiziose, che però devono a mio giudizio passare necessariamente dallo sviluppo della banda ultra-larga e di tecnologie di accesso alla rete sempre più avanzate. Inoltre in futuro mi auguro che tutti potremo finalmente apprezzare il processo  di convergenza delle reti telematiche attualmente in corso, con maggiori benefici in termini di integrazioni e servizi e con Internet come comune denominatore.

Infine: cos’è il VoIP? 

Forse qualche tempo fa, senza andare troppo indietro, avrei risposto a questa domanda dicendo che il VoIP è la tecnologia per le telecomunicazioni del futuro. 
Oggi ti rispondo dicendo che il VoIP è il presente delle telecomunicazioni, anche se probabilmente non ancora con la consapevolezza di tutti. Per questo penso che  “VoIP” in questo momento rappresenti un termine adatto ad indicare il “cambiamento” e che noi dobbiamo essere i migliori attori ad interpretare questa sfida.

Non so Voi ma per me è stata una vera scoperta questa intervista. Flavio è il vero “UOMO VoIP”. Una persona talmente affascinata di questo movimento tecnologico che ne ha fatto letteralmente uno stile di vita. Infondo è proprio questo lato di ognuno di noi che ci distingue facendoci emergere e si chiama “passione!”. Personalmente prenderò esempio dal suo racconto e Voi?

Vi lascio pensare con la colonna sonora scelta da Flavio che rappresenta un periodo memorabile per la Germania dei fine anni 80′ che anticipò il “cambiamento” che avrebbe finalmente riunificato, politica e popolo, dopo 28 anni divisi da 106 km di muro. Ecco gli Scorpions in Wind Of Change.

– Samuel Lo Gioco –