Archivi tag: Smart Working

GreenSpace: prima non c’era, ora c’è!!!

Per attraversare il deserto del Sahara le antiche carovane dei Berberi facevano sosta nelle verdi Oasi.
Solo dopo aver bevuto la fresca acqua di pozzi millenari, essersi rinfrescati all’ombra delle palme e fatto riposare i loro cammelli, il viaggio poteva proseguire.
Solo grazie a queste oasi l’uomo ha potuto sopravvivere, commerciare e trasportare merci sfidando calore, vento e sabbia del deserto.
Senza le Oasi l’uomo non poteva sopravvivere in territori ostili.
Per questo le Oasi venivano cercate, protette e preservate.

Oggi non basta più.
Non basta più inventarsi un lavoro. Oggi bisogna inventarsi anche il posto di lavoro. Il mondo è cambiato, globalizzato e digitalizzato, non si può lavorare come si lavorava negli anni 80. Il concetto di ufficio fisso è obsoleto, il concetto di scrivania o postazione fissa è superato. Con una connessione a internet potente, un numero VoIP e un device adatto, oggi si può lavorare ovunque.

Quindi gli spazi devono essere ripensati. Mettere al centro il lavoratore/viaggiatore e costruire degli spazi che abbiano un pò la stessa funzione che avevano le Oasi durante i viaggi delle Carovane.
Per questo all’interno della sede di VoipVoice nasce GREENSPACE.

Che cos’è GREENSPACE?
È uno spazio di Coworking, cioè un luogo dove è possibile prendere una postazione di lavoro in affitto, una scrivania, dove è possibile avere una connessione ad alta velocità, un numero telefonico VoIP e altri spazi per tenere riunioni, corsi ed eventi.

Come è composto GREENSPACE?
GreenSpace ha dieci postazioni scrivanie, tre sale riunioni, una sala corsi per 50 persone, una cucina, servizi igienici a norma e una zona relax. Tutte le postazioni sono dotate di prese elettriche, sedie confort e un collegamento internet wifi con velocità a 30 mega ridondata.

A chi si rivolge GREENSPACE?
Si rivolge ai Giovani della zona, agli Smart Worker di passaggio, ai Free Lance, ai Liberi Professionisti, alle piccole Start-Up in cerca di un ufficio chiavi in mano a dei costi ridotti senza vincoli temporali, dove far decollare la propria attività imprenditoriale. Si può affittare una postazione per un’ora, una giornata, una settimana, un mese.

Perché si chiama GREENSPACE? 
Perché è pieno di verde. Tutte le zone sono state dotate di piante. È stato provato che gli elementi naturali producono maggiore relax e rendono più produttivi i lavoratori. Inoltre c’è una particolare attenzione per l’ecologia. Un impianto fotovoltaico sul tetto rende lo spazio completamente autosufficiente in termini di sostentamento energetico.

Dove si trova GREENSPACE?
GreenSpace si trova proprio al centro della Toscana; la vicinanza alla Strada di Grande Comunicazione FiPiLi, due stazioni ferroviarie usufruibili col nostro servizio Transfer, il parcheggio comodo e gratuito, i coffee break e il servizio catering opzionali, rendono GreenSpace la sede giusta per qualsiasi evento aziendale.

Cosa si può organizzare in GREENSPACE?
GreenSpace si presta benissimo per organizzare qualsiasi tipo di evento fino a 50/70 persone: Seminari, Workshop, Mini Convention, Corsi di Formazione, Team Building, Demo Live. Ma anche una mostra d’arte contemporanea, una presentazione di un libro o un evento della vostra associazione culturale.

Qual è l’obiettivo di GREENSPACE?
Il primo scopo era quello di creare uno spazio moderno e innovativo nella nostra zona, uno spazio di scambio e contaminazione, vivo e vivace, un punto di riferimento per il lavoro, per i giovani imprenditori e per chi il lavoro invece di cercarlo se lo inventa. Un secondo scopo è quello di attrarre i talenti e non farli andar via, dargli degli spazi idonei e confortevoli, moderni e belli, per farli crescere e sviluppare, con la possibilità, perché no, di creare nuove collaborazioni.

Devono nascere delle nuove Oasi Verdi, come GreenSpace, dove il lavoratore moderno, il professionista in movimento, lo Smart Worker in transito con la sua carovana possa trovare riparo. Un luogo di passaggio, certo, dove il giovane che prova a creare la sua Start-Up riesce a trovare un ambiente confortevole in attesa per prepararsi alle dure sfide del deserto, un luogo dove fermarsi con altri viaggiatori, scambiarsi merci o qualche storia da raccontare intorno a un bivacco per scaldarsi nella fredda notte del deserto.

GreenSpace: Prima non c’era, ora c’è!!!
http://businesscoworking.it/

a cura di Simone Terreni
Managing Director VoipVoice

Potete trovare una presentazione di GreenSpace a questo link: http://www.radiotoscana.it/15494/montelupo-f-no-nasce-greenspace-business-coworking-ascolta/
Per avere informazioni su GreenSpace potete chiamare lo 05711825825, inviarci una mail a info@businesscoworking.it oppure venire a trovarci in via del Lavoro 8 a Montelupo Fiorentino (FI).

L’unica lotta che si perde è quella che si abbandona

Lascio agli altri la convinzione di essere i migliori, per me tengo la certezza che nella vita si può sempre migliorare. – Marilyn Monroe

Mi chiamo Sabrina Tiseo, ho 25 anni e da Settembre 2017 faccio parte del gruppo VoipVoice e precisamente del reparto Provisioning.

Sono nata e cresciuta a Firenze, la danza classica era la mia vita: a 18 anni ho iniziato a insegnare ai bambini e la sera facevo lezione per me stessa, passavo le mie giornate chiusa in una sala, era tutto ciò che mi bastava per essere la persona più felice del mondo.

Purtroppo però crescendo le priorità sono cambiate e non potevo più vivere di danza.  Mi sono impegnata, ho strinto i denti facendo lavoretti provvisori che mi permettessero di continuare a vivere il mio sogno, ma sembrava che ogni cosa mi remasse contro…

Vivendo da sola non potevo mollare, dovevo continuare a cercare la mia strada e questo mi ha portato a lasciare la danza per dedicare tutto il mio tempo alla mia crescita personale, ho continuato a mettermi in gioco ma la fortuna non voleva proprio girare dalla mia parte.

Nel 2014 scelgo di partecipare a Miss Italia: dopo un periodo di buio avevo bisogno di ritrovare fiducia in me stessa e quel percorso mi ha rilasciato molte soddisfazioni, molte che non mi sarei mai aspettata.

Da lì sembra che la mia vita inizi a prendere una piega positiva.

Per amore decido di comprare casa a Quarrata e di lasciare il mio passato alle spalle, la mia amata Firenze, ricominciare una nuova vita con nuovi stimoli. Trovo un lavoro stabile in ufficio, un lavoro che mi piaceva ma era una realtà piccola e per me immaginavo qualcosa di più, volevo qualcosa di più. Fortuna vuole che arrivo a conoscere Simone Terreni ad agosto 2017 qualche giorno prima di partire per le ferie.

Faccio il colloquio di selezione e dopo due giorni parto per le vacanze, giorni passati a chiedermi cosa avrei fatto se mi avessero assunta. Ero indecisa, insicura se accettare un lavoro a 30km da casa.. “Ne vale la pena? E se poi non mi trovo bene? E se non sono all’altezza?!”

Torno dalle vacanze ed ecco che squilla il mio telefono, è Simone che mi chiama per comunicarmi che mi aveva scelta per entrare a far parte della loro squadra. Incredula ma felice non esito a dire: GRAZIE, ACCETTO.

Il 4 Settembre, il primo giorno di lavoro mi sentivo già a casa, da li è iniziato un percorso unico. Ho dato il massimo per meritarmi quel posto fino a quando, ad un certo punto, per un attimo, ho pensato di averlo perso.

A fine novembre scopro infatti di aspettare un bambino, un piccolo miracolo, ero così felice e allo stesso tempo spaventata perchè dentro di me mi sentivo come di aver mancato di rispetto per essere rimasta incinta dopo essere entrata a lavoro da soli due mesi. Decido di parlare con Simone e di prendermi ogni conseguenza, tutti mi dicevano che ormai mi ero giocata il posto, ma ecco che con un grande abbraccio mi rassicura, era felice per me, in quel momento ho provato un’emozione indescrivibile, la sua reazione mi ha confermato l’idea che mi ero fatta di questa azienda.

Eccomi qui dopo 7 mesi dall’ingresso in VoipVoice, mi hanno fornito un pc portatile e delle cuffie, insomma tutti gli strumenti per poter lavorare da casa quando la stanchezza del pancione si fa sentire, posso fare qualsiasi attività dallo studio di casa mia, attivare nuovi numeri, nuove connettività e rispondere al telefono come se fossi in ufficio. Adesso mancano solo 3 mesi alla nascita del piccolo ma voglio poter dare il mio contributo fino alla fine da Smart Worker e continuare a meritarmi quel posto.

Se qualcuno mi facesse la fatidica domanda: “Sabrina, ne è valsa la pena?” Io risponderei: “Ne è valsa la pena! Ne è valsa veramente la pena!

 

Sabrina Tiseo 

Sitting is the New Smoking

Cosa succede se passate 8 ore della vostra giornata lavorativa a sedere ogni giorno?

È uscito recentemente sul Corriere della Sera un articolo dove vengono elencati i rischi di una vita lavorativa sedentaria.
Eccoli:


Deformazione alla spina dorsale

La spina dorsale umana ha una forma a S per resistere alle tensioni. Tuttavia, da seduti, la forma a S si trasforma in C. Questo porta ad accasciarsi in una posizione innaturale a meno che non si abbiano addominali molto allenati. La tensione viene trasferita al bacino e alla colonna vertebrale, causando un aumento della pressione sui dischi intervertebrali. Lo sforzo costante provoca la chiusura delle vertebre cervicali e può portare alla diminuzione del flusso di sangue al cervello.

Malattie Cardiovascolari

Una delle conseguenze più gravi di uno stile di vita sedentario è il rischio di malattie cardiovascolari. Passare le giornate seduti indebolisce i muscoli e peggiora la circolazione sanguigna. La mancanza di attività fisica è una delle ragioni principali per l’arterosclerosi precoce (un accumulo di placche di colesterolo nei vasi sanguigni che portano al cuore). Uno studio approfondito condotto su oltre 17mila persone in 13 anni ha mostrato che le persone con stili di vita sedentari hanno un rischio maggiore del 54% di morire per un attacco di cuore rispetto a coloro che sono più attivi.

Vene varicose

Le persone che passano la maggior parte della giornata seduti a una scrivania soffrono di una cattiva circolazione del sangue negli arti inferiori che può causare lo sviluppo di vene varicose. Oltre a essere dovute a predisposizione ereditaria, le vene varicose possono essere favorite da lunghi periodi passati a gambe incrociate. Una cattiva circolazione del sangue è anche da evitare perché può portare allo sviluppo di coaguli di sangue.

Obesità

Il sovrappeso è una delle peggiori conseguenze dello stile di vita sedentario. Quando si sta seduti a lungo, il metabolismo rallenta e il corpo brucia meno calorie, immagazzinando l’eccesso come grasso. Non appena ci si siede, il corpo riduce il processo di combustione dei grassi del 90%, il livello di insulina cade e la pressione sanguigna aumenta. In un lavoro in cui si sta in piedi, il corpo brucia fino al 35% in più di calorie rispetto a un lavoro sedentario.

Muscoli e ossa

La seduta costante combinata con la mancanza di attività fisica può rendere i muscoli del corpo deboli e flaccidi. I più colpiti sono i muscoli addominali e i glutei. Un’altra possibile conseguenza è l’osteoporosi. Le ossa non hanno molta difficoltà a tenere il corpo in posizione seduta, ma possono perdere forza nel tempo, diventando più porose e fragili.

Sistema digestivo

Un solo giorno intero seduti porta a un ridotto consumo di insulina da parte delle cellule. Di conseguenza, si rischiano diabete e altre malattie metaboliche, oltre alla stitichezza cronica e, in casi estremi, le emorroidi.

Invecchiamento

I telomeri sono situati alle estremità dei cromosomi e li proteggono da eventuali danni e diventano sempre più corti durante il processo di invecchiamento. È stato dimostrato che uno stile di vita inattivo fa sì che i telomeri si accorcino molto più velocemente.

Disagio mentale e ansia

Uno stile di vita sedentario può avere un’influenza molto negativa sulla salute mentale. L’assenza di attività fisica porta allo sviluppo di depressione e ansia a causa della mancanza di endorfine. Muoversi regolarmente può migliorare l’umore e rilassare il corpo. Serve anche all’autostima. Inoltre, influenza la produzione di serotonina, contribuendo a frenare uno squilibrio che potrebbe portare a problemi di memoria e mancanza di appetito.

Insonnia

La mancanza di movimento può influenzare molto la qualità del sonno. Il corpo interpreta la costante immobilità come riposo, anche quando l’attività mentale è al massimo. Pertanto, quando si sta “a riposo” per l’intera giornata, il corpo decide che non è più necessario dormire. L’esercizio fisico aiuta a combattere l’insonnia e migliora la qualità del sonno.

Problemi di prestazioni

Gli uomini con stili di vita inattivi hanno maggiori probabilità di soffrire di disfunzione erettile, problemi alla prostata e squilibri ormonali. La circolazione del sangue nella piccola pelvi, da seduti, rallenta, la qual cosa può portare anche a infiammazioni.


L’uomo non è fatto per vivere seduto.
E anche se poi si compensa con delle ore di palestra o di attività fisica queste non bastano a prevenire a lungo andare quelle che sono le patologie causate da una vita troppo sedentaria.

Che fare?
Le aziende che sono attente al benessere dei propri lavoratori lo hanno capito e hanno creato degli ambienti Smart all’interno delle loro sedi, hanno dotato le persone di laptop e cuffie con le quali possono spostarsi all’interno della sede. Sede che deve essere dotata di zone relax, zone Pausa Caffè, altre dove poter camminare e magari stare anche fuori al sole.

Ma come?
Con il VoIP, le Unified Communications, i collegamenti in Fibra e il Cloud tutto questo è possibile.
Lo Smart Working non è solo telelavoro.
Lo Smart Working è arredare una sede aziendale con degli arredi che siano adatti ad avere un lavoro NON sedentario.

Noi in VoipVoice, nel progettare la nostra nuova sede, abbiamo tentato di fare questo.
Far camminare il personale in un ambiente non solo bello ma anche adatto a questa filosofia “Walking Around the Job”.

Ambienti “open space”, tantissimo verde negli spazi, cuffie wireless e laptop, tavolini alti con sgabelli e puff confortevoli come arredi, zona relax con animali vivi e rumori di sottofondo, cucina con tavolo bar per riunioni informali, divani e poltrone, spazi con sedute all’esterno dove stazionare con colleghi o clienti. Venite a trovarci nei nostri nuovi spazi e toccherete con mano quello che vuol dire lo Smart Working grazie alla tecnologia VoIP.

Il futuro del lavoro, la necessità di essere competitivi in un mercato sempre più globale, deve tenere di conto delle condizioni psicofisiche dei lavoratori. Il VoIP non è solo risparmio rispetto alla telefonia tradizionale. Il VoIP è un nuovo modo nuovo di lavorare, un concetto innovativo, indispensabile per quelle aziende che vogliono rimanere al passo con i tempi.

A cura di Simone Terreni

 

Sull’onda del cambiamento, sognando un futuro da smart worker

“Io credo che neanche tu abbia ancora capito il vero spirito del surf. E’ uno stato mentale, dove prima ti perdi e poi ti ritrovi. Devi sentire l’onda, assecondare la sua energia, sintonizzarti e poi lasciarti andare”

(tratto dal film Point Break)

Mi chiamo Paola Gareri, ho 35 anni e da Aprile 2017 sono entrata a far parte del gruppo VoipVoice.

Mi occupo della gestione del Back office all’interno del reparto commerciale, fornisco supporto ai miei colleghi di linea  e al nostro team esterno formato da Partner ed Area Manager. Mi piace avere un quadro completo dell’azienda, dei vari reparti e delle varie funzioni, per poter essere un punto di riferimento, la persona in grado di fornire risposte ed analisi efficaci.

In ogni cosa che faccio, cerco sempre di metterci quel pizzico di esperienza che viene fuori dal mio background di studi. A questo punto credo che sia un po’ nel mio dna.

Una scelta di vita, un bel giorno, ha deciso di portarmi fin qua.

Prima di farmi conoscere in VoipVoice, avevo un posto sicuro presso una grande azienda dove, all’interno del reparto commerciale,  mi occupavo di gestire la rete vendita a livello nazionale. E’ stata una vera e propria scuola formativa, grazie alla quale sono cresciuta tantissimo sia a livello lavorativo che a  livello personale.

Titolari e colleghi mi definivano come una “creatrice di rapporti umani”. Da allora ho deciso che avrei per sempre portato con me questo simpatico biglietto da visita. Penso realmente mi rappresenti con poche, essenziali parole.

Il motivo del mio cambiamento? Ho preso in mano la mia vita analizzandone la qualità.

Ogni giorno mi sveglio alle 6.00, pronta ad affrontare la nuova giornata lavorativa. Mentre faccio colazione scorro brevemente le notizie sui social, approfondendo quelle più interessanti. Il tempo di prepararmi e via si parte. Un’ ora di auto per poter giungere in ufficio. Al ritorno, lo stesso tempo, traffico permettendo.

Mi rendevo sempre più conto che il tempo trascorso durante il tragitto poteva essere investito diversamente: il mio sogno era quello di ottimizzare il mio tempo e soprattutto di poter conciliare il lavoro con la mia vita familiare. Il cosiddetto smart working, ormai aveva catturato il mio interesse.

Beh non dilunghiamoci troppo….Avevo avuto modo di conoscere in passato Simone Terreni, (Managing Director di VoipVoice),  già da quando lavoravo per l’altra azienda. Sentivo molto parlare di lui e delle sue spiccate doti di formatore e già pensavo a quanto fosse (stato) fortunato il suo staff. Seguivo spesso i suoi post sui social e notavo che era appassionato al tema dello smart working. E’ stato proprio questo che ha fatto nascere in me il seme della curiosità spingendomi a fare questo “salto nel buio”.

Ed eccomi in un nuovo mondo, quello delle telecomunicazioni e dell’ICT accolta e ben supportata dai miei colleghi. I primi 6 mesi di lavoro, diciamolo sinceramente: non sono stati per niente facili! La materia per me sconosciuta, (il VoIP, ma cos’è?), il cambiamento, la mancanza di ciò che avevo lasciato, gli obiettivi duri da raggiungere anche se stimolanti. Insomma, inizialmente avevo la sensazione di aver perso un punto di riferimento, di aver perso la bussola.

La mia sicurezza, la mia competenza professionale  si erano completamente sgretolate lasciandomi da sola, in una zona sconosciuta fatta di un nuovo “alfabeto” tutto da imparare per potermi poi sintonizzare con gli altri.

Dentro di me ripetevo: “Eppure poco tempo fa ero diversa, cosa mi sta succedendo? “.  Ero impaziente. Volevo fare, imparare alla svelta, essere autonoma, per poter tornare ad essere IO, la me sicura e competente.

Dopo un mese dal mio ingresso ho avuto modo di partecipare alla fiera SMAU Bologna, un’esperienza bellissima dove le aziende si incontrano e si creano rapporti, collaborazioni, vere e proprie occasioni di business. Ecco, mi sentivo come se lo avessi fatto da una vita. Ero a mio agio, sebbene non capissi ancora tutto della materia in sé, potevo instaurare e creare di nuovo dei rapporti lavorativi.

E adesso? Se posso tracciare un piccolo bilancio posso sicuramente dire di aver imboccato la strada maestra. L’azienda sta crescendo a dei ritmi vertiginosi, il lavoro è tanto ed il tempo è poco per imparare tutto velocemente E’ vero, le cose da affinare sono innumerevoli, ma la buona volontà, la determinazione e la voglia di rimboccarsi le maniche non mancano soprattutto insieme ad un team (quello di cui faccio parte) motivato e ben organizzato.  Sono in un’ottima squadra e se il buon giorno si vede dal mattino….

 

“Solo quelli che rischiano di spingersi troppo lontano possono eventualmente scoprire quanto lontano si possa andare”

(Thomas Stearns Eliot)

 

 

A cura di Paola Gareri

Account Manager VoipVoice

 

Per info:

paola.gareri@voipvoice.it

Num. VoIP: 0550935400

VoipVoice at EXPO 2015 in Rise2UP

Dal 1° Agosto al 31 Ottobre 2015 VoipVoice sarà presente ad EXPO 2015.
VoipVoice è stata selezionata per partecipare ad EXPO 2015, l’Esposizione Universale che quest’anno si svolge a Milano. L’azienda che si occupa di VoIP di Montelupo Fiorentino è stata scelta all’interno del Progetto Rise2UP della Cascina Triulza, il Padiglione dedicato alla Società Civile.

Il tema di questa edizione milanese è: Nutrire il pianeta, energia per la vitaMa all’interno dell’Esposizione Universale non si parlerà solo prettamente di Cibo, ma anche di Stili di vita, modi, metodi e tecnologie che possono migliorare la qualità della vita delle persone.
Per questo VoipVoice, grazie alla diffusione delle Unified Communications, al VoIP e al concetto di Smart Working, come azienda è risultata portatrice di buone pratiche (Best Practices), attraverso la tecnologia e l’innovazione su IP, nel mondo delle aziende.
In anteprima ecco il Video, realizzato da Rise2UP presso la nostra sede, in occasione di EXPO 2015, e che sarà proiettato presso la Cascina Triulza, all’interno dell’EXPO 2015, tutti i giorni.


Il 28 Agosto Simone Terreni, Amministratore Delegato di VoipVoice, presenterà le Best Practices dell’azienda leader nel campo VoIP, in un Seminario sul “WEB 2.0” proprio presso la Cascina Triulza, a pochi passi dal Decumano di EXPO 2015.

Il 26 Ottobre 2015, insieme alle altre aziende portatrici di Best Practices, sarà premiata sempre alla Cascina Triulza.

camaleonte+logoexpo (5)Ecco il testo del video che sarà proiettato ad EXPO, con la versione inglese.

Da sempre crediamo che la tecnologia migliori la qualità della vita. 
Per questo dal 2006, quando abbiamo fondato un’azienda di telecomunicazione, insieme con altri soci, abbiamo sempre cercato di stare attenti a quelle che fossero le evoluzioni del mercato che andasse in questa direzione.
Prima ci siamo aperti al campo delle unified communications, ossia l’integrazione di servizi real-time di comunicazione. Poi, finalmente, abbiamo introdotto il Voip, una tecnologia che oggi può davvero cambiare in meglio la vita delle persone.
È nato così VoipVoice, il primo provider italiano di telefonia VoIP orientato solo verso le aziende. 
Il nostro lavoro si basa sulla qualità e sul rapporto diretto con clienti e fornitori per soddisfare le loro esigenze.
La nostra sede si trova a Montelupo Fiorentino, un piccolo comune adagiato in riva all’Arno. Rivendichiamo con forza il fatto di restare in questo posto, lontano dalle grandi città e anche dalla maggior parte dei nostri clienti.
Forse è questa la dimostrazione più lampante che oggi, grazie alle tecnologie, le distanze non sono poi così importanti.
Il Voip è una tecnologia che permette sì di risparmiare ma anche di lavorare dove si vuole. È il concetto di smart working, una modalità di lavoro innovativa basata su un forte elemento di flessibilità, in modo particolare di orari e di sede 
Facciamo un esempio: in azienda arriva una telefonata per una persona che al momento non è in sede.
Con il Voip l’operatrice inoltra la chiamata alla persona cercata, anche mentre questa sta portando a spasso il cane. Si possono anche visualizzare sul cellulare i dati del cliente e quindi rispondere avendo ben chiare tutte le informazioni che servono.
La rivoluzione VoiP è in corso in tutto il mondo e anche noi, grazie a VoipVoice, stiamo contribuendo a diffonderla in Italia.

We have always believed that technology enhances the quality of life.
It is for this reason, that since the founding of this telecommunications company along with other partners in 2006, we have made sure to seize the continuous evolution of this sector.
We first engaged in the field of unified communications, which is to say the integration of the real-time communication services. We then finally introduced the Voip service, a technology that can better the life of people.
This is how VoipVoice came to be, the first Italian Voip phone provider directed solely to companies.
Our work is based on quality and on the direct relationship with our customers and providers in order to best meet their needs.
We are based in Montelupo Fiorentino, a small town along the Arno river. We are proud of being located in this small town, away from big cities but also away from most of our customers.
This is perhaps the clearest proof that today, thanks to technology, distances are not so important after all.
Voip is a technology that not only allows people to save money, but also to work from whatever location they wish. 
This can be defined as the smart working concept, a new and innovative way of working, which is based on the fundamental components of flexibility related to both working hours and location.
For example: the company receives a phone call for a person who is not currently at the office.
By using Voip technology the operator can put the phone call through to the intended person, even whilst he is walking his dog.
The phone call receiver will also have the possibility to see the client’s data on his mobile phone, giving him all the necessary information needed.
VoiP revolution is under way around the world and we, thanks to VoipVoice, are helping to divulge this service in Italy as well.

VoipVoice è presente anche sul portale Extended Expo di Tim.

Fonte: Ufficio Stampa VoipVoice